POL009
Vito Ventrella

Un albero da marciapiede

Polaroid 9
Ottobre 1990
17 x 12 cm
36 pagine
11 euro

Di questo volumetto sono stati ultimati presso la tipolitografia Emmebigrafica cinquecento esemplari, cento dei quali contengono, fuori testo, una serigrafia di Alberto Garutti, stampata a mano su carta Magnani di Pescia.

Quattro tavole di Alberto Garutti. Pubblicato in collaborazione con la Galleria Massimo Minini, Brescia.

Vito Ventrella (Modugno, 1942) ha pubblicato la raccolta di racconti Il gatto Pik (Einaudi, 1971) e il romanzo Affabilità (Einaudi, 1979).

Vi consiglio di guardarmi, di leggermi quando spira una leggera brezza. Allora le mie foglie fremono come una tastiera e chiunque, se lo volesse, potrebbe cogliere una parola in ogni fremito. Il tempo migliore per ascoltarmi è il crepuscolo - sempreché non vi limitiate a lasciarmi «stormire». Io non nego che questo rumore sia dolce, ma vi sfuggono altre voci, altri palpiti che sono il quotidiano di un albero. A voi, quest’albero, sembra immoto e silenzioso. Eppure un albero non è un soffitto. Mai ho visto pendere dai miei rami un impiccato. Ma se mai dovesse capitarmi di vederne uno: - Sostienilo, non lasciarlo cadere. È uno dei nostri... - mi ha raccomandato Maria.
Sostenere i morti, non lasciarli cadere nell’oblio. Ecco un paese in cui non ci si può permettere di sprecare i morti. Loro sì che sono una buona legna per la causa. Li si raccoglie per strada, a fascine. Possono servire per gli steccati, le barricate.
I morti possono fiorire.

POL009
Alberto Garutti

Serigrafia
165 x 115 mm
100 esemplari firmati e numerati da 1/100 a 100/100