FCL066
Nanni Balestrini

Una litografia

fuori collana 66
Maggio 2020
51 x 37 cm

Questa cartella, contenente una litografia di Nanni Balestrini, è stata ultimata presso la tipografia Graficasette in centoventi esemplari numerati ed esce, ad un anno dalla scomparsa dello scrittore, come omaggio dell’editore all’amico perduto.
Originariamente pensata per un progetto poi non realizzato, la litografia venne stampata da Grafiche Artigianelli in centocinquanta (120+XXX) copie su carta Tintoretto Fedrigoni e firmata dall’autore nell’ottobre 2010 a Roma, in casa di F.S.

Nota di Massimo Raffaeli.

L’arte di Balestrini, insomma, presenta una sintassi seriale e potenzialmente dodecafonica come è evidente per esempio nella costruzione del poemetto Blackout ('80), un altro suo vertice: l’arte è un potente antidoto alla violenza disciplinare di quanto oggi si chiama Pensiero Unico, vale a dire un pensiero secondo la definizione di Ignacio Ramonet, che sostituisce la razionalità della dimostrazione con gli choc emotivi della ripetizione. Ecco, le iconografie costruite nel tempo da Nanni Balestrini, pari a quella che anni fa egli volle affidare a Giorgio Bertelli, testimoniano una reale affinità con le sue poesie. Si osservi appunto questa immagine che sulle prime sembrerebbe soltanto un omaggio al magistero cubista, nel conglomerato aereo di lettere e colori che dal centro guarda, ai lati, non meno di tre nuclei satellitari, come si trattasse di una costellazione. In realtà, lo sguardo di Balestrini ancora una volta è metalinguistico (selezione/montaggio/ripetizione) e si appunta a fondo pagina sulla sinistra indugiando su una minima grammatica di colori, i medesimi che dal nucleo si irradiano intrecciandosi ad alcune lettere capitali. L’insieme è fluido e rimanda più a un solfeggio che non a una sequenza ordinatamente dodecafonica, ma chi guarda ha la netta sensazione che proprio di lì prenda corpo un abbecedario di segni elementari in attesa di combinazione, cioè in attesa di un ritmo e, finalmente, di un senso. Per questo Nanni Balestrini non si è mai distolto dal motto di Lautréamont giurando che ciò che faceva era davvero alla portata di tutti.

Massimo Raffaeli

FCL066
Nanni Balestrini

Litografia
510 x 360 mm
120+XXX esemplari firmati e numerati