FCL028
Gianni D’Elia, Antonio Tabucchi

Brescia Piazza della Loggia

28 MAGGIO 1974-2004

fuori collana 28
Maggio 2004
24 x 17 cm
19 pagine
ISBN 8888845135
11 euro

Di questo volumetto sono stati ultimati presso la Tipolitografia S. Eustacchio cinquecento esemplari, cinquanta dei quali contengono, fuori testo, un’acquaforte di Gilberto Zorio, stampata a mano con torchio calcografico su carta Hahnemühle nella stamperia Franco Masoero di Torino.

Gilberto Zorio, Un disegno

Antonio Tabucchi, Lettera immaginaria ai Cittadini di Brescia

Gianni D’Elia, Due cori incivili

Gilberto Zorio è nato nel 1944 a Andorno Micca, vive a Torino.
Protagonista della stagione dell’Arte Povera, allestisce la sua prima personale nel 1967 da Gian Enzo Sperone, proseguendo poi la propria attività nelle più prestigiose sedi espositive internazionali.

Antonio Tabucchi è nato nel 1943 a Pisa, vive a Firenze.
I suoi ultimi libri, pubblicati da Feltrinelli, sono Tristano muore (2004), Autobiografie altrui (2003), Si sta facendo sempre più tardi (2001), Gli Zingari e il Rinascimento (1999), La testa perduta di Damasceno Monteiro (1997), Sostiene Pereira (1994).

Gianni D’Elia è nato nel 1953 a Pesaro, dove vive.
I suoi ultimi libri, pubblicati da Einaudi, sono Bassa stagione (2003), Sulla riva dell’epoca (2000), Congedo dalla vecchia Olivetti (1996), Notte privata (1993), Segreta (1989).

Da sempre le proposte delle nostre edizioni coniugano parola e segno.
A trent’anni dalla strage fascista, coinvolgere un poeta, un narratore e un artista visivo è il nostro modo di ricordare i morti di Piazza della Loggia e la drammatica tensione di quei giorni.
Così è nata la plaquette che presentiamo come testimonianza critica e omaggio sincero.
Ne siamo grati a Gianni D’Elia, Antonio Tabucchi e Gilberto Zorio.

FCL028
Gilberto Zorio

Acquaforte ritoccata a mano
235 x 160 mm
50 esemplari firmati e numerati da 1/50 a 50/50